10 Gen 2017

Parlare in pubblico: una “tecnica artistica” utile a tutti

0 Comment

A chi serve saper parlare in pubblico?  È un’attività che normalmente si associa a politici, trainer motivazionali e artisti cioè a categorie professionali  che per lavoro sono chiamate a stare su un palco al centro dell’attenzione di un pubblico.

Come non essere d’accordo? Immaginate un cantante che, finito il concerto, che si blocca davanti al microfono di una giornalista che desidera intervistarlo o un politico che avanza a testa bassa verso il microfono alla sua convention e poi balbetta.

parlare in Ma il corso di parlare in pubblico servirebbe forse anche allo stagista che arriva intimorito in una nuova azienda e deve fare una presentazione di lavoro, allo studente che presenta il risultato della sua ricerca o all’esperto di marketing abituato alla tastiera che deve incontrare dal vivo quel grosso cliente o, ancora, al giovane insegnante che vuole farsi ascoltare dai suoi scalmanati alunni.

Insomma, per qualunque lavoro a contatto col “pubblico” si faccia, la capacità di farsi ascoltare e far arrivare il messaggio che desideriamo a chi ci sta di fronte sarà in ogni caso utile.

Sebbene la retorica sia un aspetto particolare del concetto di “parlare in pubblico”, questo ambito si propone come una “tecnica artistica” piuttosto che una semplice capacità. In quanto “tecnica” tutti possono imparare ad applicarla, in quanto “artistica” ognuno può adattare quanto appreso al proprio modo di porsi, al contesto e al messaggio che si vuole veicolare.

Ecco perché Officine Formazione ripropone nel 2016 il corso di parlare in pubblico base e parlare in pubblico avanzato soprattutto dopo le delle belle recensioni lasciate dai corsisti dell’ultima edizione del 2015 che potete leggere qui al termine del post. Sono loro che hanno chiesto di poter partecipare anche al livello avanzato!

Gabriele: una giornata non basta, ci vorrebbe una giornata tra 10 giorni per mettere in pratica le cose.
Enea: ha superato le mie attese. Serve più tempo per le prove pratiche
Federica: mi è piaciuto per la pratica e i link teorici.
Ignazio: oltre le mie aspettative… mi dispiace non averlo fatto prima. Tanti spunti. Capiremo tra un po’ se ha dato i suoi frutti.
Andrea: mercoledì lo provo, è una bomba.
Antonio: ci cadevo nel tranello di scusarsi, sarebbe opportuno ci si sentisse e si sperimentasse
Mirella: ero più concentrata sul come che al cosa. Voglio ripassare sul cd e fare tante prove. Ci vorrebbe un altro incontro per verificare insieme al trainer
Elena: spero di metterlo in pratica quanto prima

[top]
Leave a Reply